Inter, Moratti: “Triplete? Quell’anno è stato la perfezione”

Inter, Moratti: “Triplete? Quell’anno è stato la perfezione”

L’ex patron nerazzurro, Massimo Moratti, ha parlato della magica stagione del Triplete sotto la guida di José Mourinho.

Intervenuto telefonicamente a “Sky Sport 24” insieme a Diego Milito ed Esteban Cambiasso, l’ex Presidente dell’Inter, Massimo Moratti, ha parlato della stagione del Triplete. Ecco quanto dichiarato.

“Sono due fantastici giocatori e amici, credo che tutti abbiamo cercato di dare il massimo per raggiungere degli obiettivi che siamo riusciti a raggiungere miracolosamente. Non è facile, è bellissimo che questi calciatori possano dare in giro tanta felicità che in questo momento è necessaria. Io non posso far altro che essere riconoscente per sempre e voler molto bene a questi ragazzi. Devo essere sincero, la mia parola miracolo non deve essere intesa come qualcosa che non si potesse raggiungere, ma come qualcosa che era talmente bella da poter raggiungere che sarebbe stata un vero miracolo. Quell’anno è stato la perfezione”.

Per poi aggiungere: “Bisogna ringraziare naturalmente Mourinho per lo spirito e per la fiducia che ha saputo dare alla squadra. Quando siamo arrivati a Madrid, noi addetti ai lavori siamo entrati allo stadio pensando già di aver vinto, il che è una cosa impossibile perché in genere in una finale muori di paura. Siamo arrivati lì sapendo che sarebbe stata una festa, forse anche perché avevamo sofferto tantissimo con il Barcellona. Rivedendo la partita, guardate che uno che ti fa vincere Coppa Italia, Campionato e Champions League segnando lui e solo lui credo che sia un record mondiale, una cosa incredibile”.

In merito alle sue sensazioni durante la finale di Champions League ha dichiarato: “Lo dico sinceramente, non ero agitato la sera della finale. In quei momenti lì non c’è solo una situazione emotiva, ma stai ad analizzare tutto per cercare di capire se hai sbagliato qualcosa e dove bisogna intervenire, anche all’ultimo minuto. Il mio dovere era essere presente per analizzare la situazione, fortunatamente tutto era ben fatto e devo ripetere che questi ragazzi hanno affrontato con una professionalità eccezionale tutto il percorso che han fatto. Rivedendoli in televisione, quel percorso mi sembra fantastico, hanno fatto dei grandi sacrifici e hanno strameritato di vincere e avrebbero meritato anche di più precedentemente. Ringrazio Cambiasso che ricorda anche i miei momenti di arrabbiatura, ma sono cose che capitano”.

Aggiornato il: 20-05-2020