Coronavirus, fondo salva calcio: la FIGC chiede l'1% delle scommesse

Coronavirus, fondo salva calcio: la FIGC chiede l’1% delle scommesse

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha parlato della possibilità di lanciare un fondo “salva calcio” chiedendo al governo l’1% delle scommesse.

Intervenuto a Radio Cusano Tv il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, ha affermato: “Non possiamo chiedere soldi al governo perché sappiamo benissimo che ci sono altre priorità in questo momento. Chiediamo però la costituzione del fondo. Con risorse della Figc, che farà sacrifici importanti in questo momento, e risorse che devono derivare dalle scommesse”.

In base a quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, la Figc oltre a voler utilizzare il fondo con risorse proprie, la gran parte dei soldi dovrebbe venire prenderli da una quota dell’un per cento sulle scommesse sul calcio, facendo riferimento al “diritto d’autore” per le società. “C’è una risoluzione dell’Unione Europea che dice che il diritto d’autore sulle scommesse va tutelato – ha spiegato Gravina – La Francia già applica l’1 per cento e la stessa cosa sta chiedendo l’Nba”.

Aggiornato il: 20-05-2020